PETER BURLING E BLAIR TUKE SONO I NUOVI INCRONTRASTATI LEADER DELLA SSL RANKING

Lo skipper del sindacato vincitore dell’America’s Cup Emirates Team New Zealand, e Defender della Coppa, Peter Burling (NZL) vola alto nella classifica SSL questa settimana dopo aver ricevuto 4000 punti da uno degli eventi più importanti della vela. Burling ha accumulato una cifra mai vista prima di 13000 punti, con un margine di oltre 4000 punti sul secondo e terzo skipper in classifica, l’australiano campione olimpico e mondiale nella classe Laser, Tom Burton e il campione olimpico e mondiale di 470, Mathew Belcher – anche lui australiano.
Non ci sono dubbi che Burling sia il miglior velista del mondo in questo momento, è la sensazione di tutti, ma ora abbiamo anche delle certezze grazie ai numeri e ai calcoli del Ranking SSL. Il fenomenale skipper kiwi è da tempo il numero uno, grazie alla sua versatilità. Ha vinto l’AC alle Bermuda dopo aver conquistato la medaglia d’oro olimpica a Rio, è arrivato terzo nella Volvo Ocean Race ed è tornato subito a vincere nel circuito 49er. I risultati che portano Peter Burling così in alto nel ranking sono i due campionati del mondo 49er che valgono 2500 punti SSL ciascuno – in Nuova Zelanda e Australia tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020; il titolo europeo 2019 – che vale 1000 punti SSL – e il 50% dell’oro olimpico nel 2016, un evento SSL4000 proprio come la Coppa America.
La persona che condivide tutti questi successi con Burling è il suo prodiere di sempre Blair Tuke, ora in testa alla classifica dell’equipaggio SSL con (avete indovinato) 13000 punti. Tuke era il controllore di volo sul potente AC75, è la persona di cui Burling si fida di più a bordo, alcuni dicono che i due si capiscono senza nemmeno parlare, sanno semplicemente cosa sta pensando l’altro. E se vi è capitato di seguire una delle loro regate, sia sugli AC che sui 49er, potreste facilmente crederci visto che a bordo si scambiano pochissime parole.
Un altro equipaggio di Emirates Team New Zealand che ha fatto un bel passo avanti grazie alla recente difesa della AC, è il tattico australiano Glenn Ashby che passa dal 32° al 7° posto.
Appena sopra Ashby, lo svedese Fredrik Bergström, è balzato in alto di 20 posti nelle ultime settimane grazie alla vittoria del Campionato del Mondo 470 a Villamoura, Portogallo, un paio di settimane fa con il suo skipper Anton Dahlberg, balzando dal 36° al 10° posto nella classifica degli skipper SSL. Il duo è già stato campione del mondo nel 2019 nella sede della vela olimpica di Enoshima, e secondo agli europei 2019 a Sanremo, in Italia, ed è ora completamente concentrato sull’obiettivo olimpico 470 nella prossima estate.
Tra un paio di settimane verrà rilasciata la classifica per nazioni della SSL, e ci aspettiamo di vedere alcuni cambiamenti, poiché il successo del paese è determinato dalla somma delle posizioni dei suoi migliori cinque skipper e due equipaggi. E la posizione che ogni paese occupa influenzerà la sua semina per la Gold Cup SSL nel 2022.



Lascia un commento